Di torri dorate, ignoranza e sogni perduti, (parte seconda)

Nel post precedente avevo concluso citando Steve Jobs, forse primo personaggio/icona a essersi spento nel XXI secolo. Quello che lasciò il proprio testamento spirituale durante il celebrato discorso alla Stanford University, ricordate? "Stay hungry stay foolish"...Ci sarebbe da aprire tutto un discorso, complesso e controverso sui malintesi nati dalle parole di Jobs, su quanto abbia … Leggi tutto Di torri dorate, ignoranza e sogni perduti, (parte seconda)

Di torri dorate, ignoranza e sogni perduti (parte prima)

"la cultura (e la sua sorgente, la scuola) andrebbero rispettate e aiutate in modo diverso. Accettiamo responsabilmente i sacrifici, ma non quello dell'intelligenza. Stefano Benni" Piccola introduzione biografica. Provengo da una famiglia modesta ma dignitosa. Mio padre era un pasticcere, mia madre dopo una vita da commessa aveva aperto un bar. Artigiani e commercianti. Classe … Leggi tutto Di torri dorate, ignoranza e sogni perduti (parte prima)

Gli ulivi non piangono al plenilunio, di Germano Hell Greco

Sinossi, dalla pagina Amazon del libro: Vegana, volontaria in Nigeria, ex-prigioniera di Boko Haram. Maika è in vacanza a Polignano, per sfuggire allo stress e ai brutti ricordi. Per sfuggire anche a se stessa. Tutti la odiano, la perseguitano tramite internet, la insultano. Qualcuno la vuole. A ogni costo. Danjuma è giunto in Puglia anni … Leggi tutto Gli ulivi non piangono al plenilunio, di Germano Hell Greco

Dieci e più dieci (perchè scrivo, perchè si scrive)

Alessandro Girola ha colpito ancora e per l'ennesima volta stuzzica il blogger che sonnecchia in me con una top 10 che sfocia in un meme per me irresistibile: perchè ci piace scrivere. Doverosamente, qui trovate le sua personale lista mentre colgo la palla al balzo e ne approfitto per una piccola disgressione dolce amara sulla … Leggi tutto Dieci e più dieci (perchè scrivo, perchè si scrive)

Libri da Cinema: la mia personale TOP 5

Cinema e letteratura. Parafrasando: così vicini così lontani eppure, scagli la prima pietra chi non ha mai fantasticato su come verrebbe quel film tratto da un certo libro, magari anche col cast in mente... La mia sorellina putativa, Lucia, ha dato il la alla mia fantasia in questo stuzzicante e appetitoso post  e sull'onda del meme, … Leggi tutto Libri da Cinema: la mia personale TOP 5

Scrittura: I 13 punti

Meme irresistibile, quello creato e lanciato dall'amico e collega Alessandro Girola. Vizi, lazzi, fisse e manie di quando ci cimentiamo nella nobile e amatissima arte del raccontare le nostre storie. C'è chi, in gergo, chiama questi discorsi "scaccia fighe" ma quando tra appassionati e professionisti di un qualsiasi campo, s'inizia a parlare e raccontare e … Leggi tutto Scrittura: I 13 punti

Boomstick award: i miei magnifici 7

E' con malcelato orgoglio che mi fregio del logo ufficiale del Boomstick award 2014. Il primo da quando esiste il Taccuino da altri mondi. Che dire? Sono confuso e onorato di essere riconosciuto al pari dei blogger veri, nonostante la perniciosa incostanza che contraddistingue le pubbligazioni di questo blog. Devo ovviamente ringraziare per l'assegnazione Marco … Leggi tutto Boomstick award: i miei magnifici 7

Fabrizio Borgio: L’ispettore Drago esce dai libri è diventa un volto

Le sempre mutevoli, tortuose e stimolanti relazioni tra artisti hanno portato alla nascita di questo nuovo blog. Un progetto stimolante, della quale sono fiero di far parte e nel quale sono lusingato di esser citato.

Contaminazioni Artistiche

fabrizio Nasce prematuramente nella città di Asti il 18 giugno 1968
Figlio di anni inquieti, passa un’infanzia chiusa e taciturna sviluppando la propria fantasia e creatività aiutato da libri, fumetti e televisione. Appassionato di cinema e letteratura, affina le sue passioni nell’adolescenza iniziando a scrivere racconti. Frequenta mediocremente un Istituto tecnico, insegue una certa vocazione per le armi, trascorrendo anni nell’Esercito. Congedato, comincia a guadagnarsi da vivere passando da un mestiere all’altro senza mai perdere di vista il suo divorante amore per la letteratura: operaio, tecnico, falegname, cantiniere, giardiniere, meccanico di scena, impiegato. Si muove irrequieto nel mondo del lavoro e scrive, segue stages di sceneggiatura con personalità del nostro cinema, tra cui Mario Monicelli, Giorgio Arlorio e Suso Cecchi d’Amico. Collabora occasionalmente con il regista astigiano Beppe Varlotta. Più recentemente, ha avviato altre collaborazioni multi disciplinari con il cantautore Beppe Giampà e il disegnatore Lorenzo Omedè. La fantascienza, l’horror, il…

View original post 446 altre parole