LA FESTA DI LEVA: un horror gotico piemontese


L’horror affonda le sue radici proprio nel folklore e nelle tradizioni delle culture umane. La funzione catartica del racconto, della leggenda, parte innanzitutto dall’analisi e l’evocazione dei sentimenti e l’esorcismo delle paure ne è componente fondamentale. A ben vedere, nonostante il progredire delle società, anche in tempi moderni, le figure tipiche e iconiche della narrativa orrorifica rimandano a lasciti del folklore. La letteratura gotica stessa ha mosso i suoi passi non tanto fra gli scenari metropolitani quanto nell’isolamento di manieri sperduti, dove il paesaggio costruisce il topos della narrazione.

Il legame che provo verso la mia terra e la cultura che essa ha contribuito a forgiare mi porta a un agio speciale verso il Gotico rurale, sottogenere codificato all’interno dell’horror grazie agli aspetti sopra elencati. In Italia è stato il cinema a sdoganare una visione squisitamente nostrana del genere grazie al mai abbastanza citato capolavoro di Pupi Avati, La Casa dalle finestre che ridono. Proprio la natura settentrionale del territorio della bassa ha permesso di parlare di Gotico Padano e dal gotico Padano, arriviamo al Gotico Piemontese. Danilo Arona, decano storico della narrativa di genere sabauda è senz’altro un precursore di peso e altri autori di pregio, tutti piemontesi, trovano nella nostra terra ai piedi dei monti, quell’ambiente archetipico che è incubatore caratterizzante dei loro lavori: Maurizio Cometto, Luigi Musolino, Christian Sartirana e Davide Mana sono alcuni dei nomi che mi sovvengono a riguardo e che si raggruppano nel collettivo Strän.

LA FESTA DI LEVA è l’ultimo racconto scritto e pubblicato da indipendente col marchio Taccuino da altri Mondi e che rientra sotto questa etichetta. È disponibile proprio da oggi in formato elettronico (ebook) su Amazon al prezzo politico e pandemico di 0,99 centesimi di Euro sperando che il confronto con gli scrittori che ho sopra citato non risulti troppo impietoso.

In questo video dal mio personale canale Youtube qualche parola in più a riguardo del racconto:

Qui trovate il link per l’acquisto

Visitando la mia Pagina autore trovate anche tutti gli altri lavori sia da indipendente che da autore per case editrici ufficiali.

Ricordo infine che anche senza essere possessori di un tablet o un ereader è possibile scaricare applicazioni gratuite per la lettura degli ebook e che un minimo di riscontro, carissimi lettori è un propellente prezioso per la nostra attività di scrittori.

Grazie di cuore.

Di Fabri

Lavoro per sfamarmi, scrivo per vivere. Dietro questo motto si presenta Fabrizio Borgio che nasce prematuramente nella città di Asti il 18 giugno 1968. Appassionato di cinema e letteratura, affina le sue passioni nell’adolescenza iniziando a scrivere racconti. Trascorre diversi anni nell’Esercito. Lasciata l’uniforme, bazzica gli ambienti artistici astigiani, segue stages di sceneggiatura con personalità del nostro cinema, tra cui Mario Monicelli, Giorgio Arlorio e Suso Cecchi d’Amico. Collabora proprio come sceneggiatore e soggettista assieme al regista astigiano Giuseppe Varlotta. La fantascienza, l’horror, il mistero, il fantastico “tout court”, gialli e noir sono i generi che maggiormente lo coinvolgono e interessano. Esordisce partecipando con un racconto breve al concorso letterario “Il nocciolino” di Chivasso e ricevendo il premio della giuria. Ha pubblicato Arcane le Colline nel 2006 e La Voce di Pietra nel 2007. Per Fratelli Frilli Editori pubblica nel 2011 Masche (terzo classificato al festival Lomellina In Giallo) e nel 2012 La morte mormora. Nel 2014 esce Vino rosso sangue, il primo noir che vede protagonista l’investigatore privato Giorgio Martinengo. Nei primi mesi del 2016 esordisce con la Acheron Books di Samuel Marolla e pubblicherà in formato elettronico e cartaceo il romanzo IL SETTIMINO, terza avventura dell'agente speciale del DIP Stefano Drago. Successivamente escono Asti Ceneri Sepolte, Morte ad Asti e La Ballata del Re di pietra. Diversi racconti sono ospitati nelle antologie della Cooperativa autori fantastici e le raccolte annuali della Fratelli Frilli editori. Dal 2015 è membro della Horror Writers Association. Sposato, vive a Costigliole d'Asti sulle colline a cavallo tra Langhe e Monferrato con la sua famiglia e un gatto nero di nome Oberyn, dove oltre a guadagnarsi da vivere e scrivere i suoi romanzi, milita nella locale sezione della Croce rossa Italiana come soccorritore. Membro ONAV è anche assaggiatore di vino.

3 commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...