Vendersi e vendere


Tra Vendersi e Vendere

L’Autore durante uno dei festival ai quali ha partecipato

Tre giorni fa mi è “scappato” un post che non aveva intenti scopertamente polemici; direi più critici, rispetto a quello che il mondo dell’editoria contemporanea chiede agli autori. Tanto per rendere chiare le mie posizioni, confesso che da uomo che bazzica questo ambiente dall’ormai remoto 2006 e che pubblica in maniera abbastanza regolare da quell’anno a livelli che considero medi, ho ancora adesso delle remore, dei pudori, diciamo, a utilizzare il termine autore riferito a me medesimo e la stessa ritrosia verso l’alternativo scrittore. Oggi scrivere è la principale attività creativa che viene erroneamente considerata quella più alla portata di tutti e questo sottinteso è passato alla grande tanto che ci ritroviamo nella situazione paradossale in cui chi scrive ha superato in percentuale il semplice lettore. Si è affermato che la percentuale è 50 % cioè un lettore su due è lettore perchè scrive a sua volta. L’infilare nel proprio curriculum un libro sembra faccia figo, leggere no; scrivere sì, tanto che fino a una decina di anni fa un po’ me la tiravo pensando che scrivevo e pubblicavo. Oggi meno, molto meno. Conosco molti autori, alcuni anche famosi, conosciuti di persona, intendo e niente, ho notato come diversi tra quelli che ritrovavo più recensiti, considerati e applauditi erano persone dotate di uno speciale talento a vendere se stesse, o meglio a trasmettere un’immagine accattivante e attraente dell’Autore, questo a scapito (forse) della qualità di ciò che scrivono. Pensare che in tempi non sospetti, in Francia era esplosa una polemica sugli autori belli e sull’eccesso di foto photoshoppate sui retri di copertina di troppe pubblicazioni d’oltralpe.

Questa presa d’atto ha scosso l’interesse di diversi colleghi autori e anche lettori, portando a una discussione lunga e articolata su Facebook, cosa che mi capita assai di rado e si è sviluppata in due importanti approfondimenti esondando dalla piattaforma social e approdando nella blogosfera. Nello specifico l’eccellente disanima del caro amico Davide Mana, qui e un’ulteriore riflessione da parte di un’autorità del campo come Alessandro Girola, qui.

Ora, al di la’ di quanto possa aggiungere su quanto sviscerato finora mi preme specificare una cosa: ho avuto la sensazione che si siano confusi o forse sovrapposti i concetti di vendersi e vendere. Il vendersi presuppone una valutazione di ordine morale e/o etico tendenzialmente negativa, significa crearsi un personaggio che non è la persona che si propone ai lettori e che recita una parte, con un look e un atteggiamento studiati a tavolino, prerogativa questa di precisi fenomeni mediatici dove infilarci anche un libro diventa un surplus, una ciliegina pseudo intellettuale per infarcire una torta già di suo indigesta a gente come me ma della quale sono ghiotti i fan. Vendere, significa invece sviluppare una capacità di persuasione e pianificazione più o meno efficace che invoglia il lettore all’acquisto. Se il primo concetto lo aborro, il secondo lo considero un elemento da sviluppare anche se non il principale. Come ripeto un po’ stancamente: è il libro che dovrebbe parlare per me e non il contrario ma è una concetto che nel paese dei mille scrittori geniali, non sembra trovare grande seguito. È un mondo difficile ma nonostante tutto lo amo sempre.

Alessandro Girola è il padre della Plutonia Pubblication, caposaldo della narrativa indie di genere in Italia

Strategie Evolutive è uno dei migliori blog che abbia mai letto, fatevi un giro che vale davvero la pena

P.s. sarà un caso ma questa discussione mi è sembrata una buona occasione per ridare una scossa vitale al mio sonnolento Blog. Spero che vi sia cosa gradita.

Vostro Fabrizio Borgio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...