Asti: ceneri sepolte


asti_ceneri_sepolte_per_web

Un’afosa sera d’estate: un’esplosione

sconvolge Asti. L’incendio conseguente

distrugge la APES azienda specializzata

nello stoccaggio di rifiuti; nella tragedia

perdono la vita due dipendenti. Contemporaneamente

in un incidente avvenuto

poco distante dal luogo del disastro,

muore un motociclista mentre l’autista

di un SUV finisce in coma. Entrambe

le vittime si scoprono essere titolari

della stessa azienda distrutta dall’incendio.

La medesima sera, l’investigatore

privato Giorgio Martinengo prende

servizio come soccorritore della Croce

Rossa e il suo migliore amico, il chimico

Paolo Marchese, membro dell’ARPA

Piemonte, deve intervenire per monitorare

il potenziale pericolo d’inquinamento

ambientale derivato dall’incendio,

perché la funerea e irreale colonna di

fumo nero come la pece che ascende

al cielo della piccola città piemontese

non sembra solo carta che brucia. Inizia

così una lunga notte insonne, durante la

quale Giorgio Martinengo si ritroverà a

ricomporre un mosaico di fatti e persone

in una sarabanda di morte che coinvolgerà

i personaggi più inaspettati. Un

vortice di faccendieri, corrotti ed ecomafie

nel quale Martinengo, vittima di una

insopprimibile brama di sapere, sarà

coinvolto nonostante il suo inedito ruolo.

Ed eccolo quà, il mio nuovo neir, una nuova storia dell’investigatore Martinengo che si dipana fra incendi, tragedie personali, ecomafie e coraggio. Romanzo compresso nell’arco di tre giorni e due notti, con il nostro affezionatissimo costretto nell’inedito ruolo di soccorritore 118 per la Croce Rossa e coinvolto in una storia incandescente nella quale si bruciano vite, sogni, incubi e brama di possesso. Nonostante mi sia preoccupato di oliare al meglio il meccanismo, affinché tutti i pezzi del puzzle combaciassero, Asti ceneri sepolte la considero una delle mie storie più noir, dove in fondo l’aspetto investigativo  è secondario rispetto alla trama. L’ambizione è quella di aver scritto un romanzo veloce ma non superficiale, concitato ma con una sua profondità ma per questo, ai lettori l’ardua sentenza.

Tra breve sarà disponibile anche in ebook su tutte le piattaforme, il cartaceo è in distribuzione alle librerie dal 24/11/2016 e per chi fosse interessato, è ordinabile con uno sconto speciale sul sito dell’editore a questo indirizzo oppure su Amazon 

Salva

Salva

Annunci

2 thoughts on “Asti: ceneri sepolte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

tacchi dadi e datteri

mescolanza è diverso da confusione

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I SEGRETI OCCULTI DEL III REICH

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

correzionedibozze & editing

[Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L’unica cosa che so è forse questa.][Silvio D'Arzo]

Plutonia Experiment

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Andrea Wierer

corporate storytelling

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: