BOOMSTICK AWARD (II)


In quattro anni che esiste il Boomstick award, dalla fervida mente di Germano Hell greco ( Book and negative) sono riuscito nonostante tutto a riceverlo per due di seguito e per uno come me, che da grande vuole fare lo scrittore e prova anche, non pago, a fare il blogger è un risultato del quale non andarne semplicemente fiero ma anche orgoglioso. Considerando la desolata discontinuità che contraddistingue la mia attività sul blog, è un risultato ENORME e di tanta magnanima generosità e considerazione non posso che ringraziare con lodi sperticate la mia sorellina putativa Lucia Patrizi (Ilgiornodegli zombi) e Marco Siena (Prima di svanire).

Salamelecchi a parte, come avevo già accennato, questo è lo spirito col quale ricevo il premio:

ed ora passiamo al rituale:

1 – i premiati sono 7. Non uno di più, non uno di meno. Non sono previste menzioni d’onore

2 – i post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi a mo’ di consolazione

3 – i premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. È sufficiente addurre un pretesto

4 – è vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite

Di seguito, i sette designati dal sottoscritto:

1) Il giorno degli zombi, di Lucia Patrizi:

  • Perchè tiene alto il vessillo dell’horror
  • Perchè ha una scrittura alta senza rinunciare ai mostri
  • Perchè è mia sorella putativa e me ne frego delle accuse di nepotismo!

2) Non quel Marlowe, di Lucius Etruscus:

  • Perchè racconta un universo di citazioni e generi che sento anche mio
  • Perchè non si può amare un Marlowe bibliofilo
  • Perchè con lui il pulp non muore mai

Bibolottymoments, di Elena Bibolotti

  • Perchè è una scrittrice capace, coraggiosa e intelligente
  • Perchè il suo blog non ha peli sulla lingua
  • Perchè servono persone come lei in questo mondo ipocrita

Karavansara, di Davide Mana

  • Perchè nemo profeta in patria
  • Perchè è un inguaribile, nostalgico uomo d’altri tempi, un po’ come me
  • Perchè è troppo dannatamente in gamba per questo sgangherato paese

Alice in writing, di Alice in writing

  • Perchè ama la letteratura come pochi
  • Perchè nel suo blog mi sento a casa
  • perchè parla di cose che ci toccano da vicino con competenza e cognizione di causa

Red Jack, di Alessandro Mana

  • Perchè il suo è un lavoro enciclopedico unico
  • Perchè il fratello di un amico è a sua volta mio amico
  • Perchè così eleva il concetto di bloggin

Strategie evolutive, di Davide Mana

  • Perchè mi manca maledettamente il suo blog
  • Perchè nonostante la chiusura rimane imbattuto
  • Perchè spero che ritorni

Bòn.

Annunci

4 thoughts on “BOOMSTICK AWARD (II)

  1. Pingback: A fistful of Boomstick Awards | Karavansara

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

tacchi dadi e datteri

mescolanza è diverso da confusione

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Libero Emisfero

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I Segreti Occulti del Terzo Reich

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

Plutonia Publications

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente,

altrimenti tutto è arte.

Andrea Wierer

corporate storytelling

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: