Scrittura: I 13 punti



Meme irresistibile, quello creato e lanciato dall’amico e collega Alessandro Girola. Vizi, lazzi, fisse e manie di quando ci cimentiamo nella nobile e amatissima arte del raccontare le nostre storie. C’è chi, in gergo, chiama questi discorsi “scaccia fighe” ma quando tra appassionati e professionisti di un qualsiasi campo, s’inizia a parlare e raccontare e confrontare modi, mezzi, attrezzature varie, scatta una sorta di solidarietà e le parole sgorgano infinite. Mai provato a stare assieme ad appassionati di armi, oppure di informatica? Stessa cosa per noi scribacchini, contastorie, artisti della parola e quant’altro. Stimolato dalla staffetta proseguita da Marco e Davide, decido  di aggiungere il mio post a riguardo, così, per il gusto del tutto partecipativo di “dire la mia”

  1. Non ho orari precisi per la scrittura, questi sono dettati esclusivamente dalle cadenze imposte dalla quotidianità di lavoro e famiglia. Devo però segnalare il tardo pomeriggio e la sera come momenti privilegiati. Quando il romanzo è in conclusione e i tempi di consegna concordati con l’editore stringono, allora anche la notte fonda diventa un prezioso contenitore di tempo da sfruttare.
  2. Da quando mi sono trasferito sui bricchi, posso dire di avere un luogo deputato e privilegiato: il mio studio. L’ho ricavato chiudendo un porticato e trasferendo tutti i volumi in mio possesso, computer fisso, stampante e faldoni di documentazione varia. E’ un ambiente che non mi stufo mai di elogiare e orgogliosamente mostro a ogni minima occasione. E’ la mia Fortezza della Solitudine, ormai irrinunciabile ma quando l’esigenza stringe, qualsiasi altro luogo e frangente disponibile sono utili per proseguire le mie storie.
  3. Quando scrivo, ho sempre a fianco una mug, ovvero una tazzona di te, del quale sono un assiduo bevitore. Ultimamente ho scoperto anche il te rosso sudafricano, il rooibos, molto gustoso ma privo di teina e caffeina e quindi poco adatto per le sessioni notturne.
  4. Devo scrivere in assoluto silenzio, anche se mentalmente ho sempre una colonna sonora della storia. L’unico rumore che non mi disturba e anzi, favorisce la concentrazione e il ritmo di scrittura, è quello classico della macchina da scrivere. A tal proposito, ho trovato un programmino chiamato 15Typerite che lo riproduce egregiamente ogni volta che digito sulla tastiera. Bellissimo.
  5. Ho il feticcio delle Moleskine. Non sto mai senza e le riempio di appunti, pensieri, incipit, frasi e descrizioni. Come chissà quanti altri, tra l’altro.
  6. Scrivo utilizzando principalmente Word2007  ma all’occorrenza mi capita anche di utilizzare un vecchio portatile che ho salvato installandogli sopra Xubuntu e su quello uso il classico abiword
  7. Di solito ho sempre due/tre romanzi incominciati ma quando la “traccia è calda” mi concentro totalmente su uno solo. A volte mi capita di far convergere due storie e da esse costruire un singolo romanzo. La maggior parte delle mie storie nasce così per sedimentazione.
  8. Tendo a vestirmi in maniera molto informale e libera (leggi: male) tute da ginnastica, jeans lisi e sdruciti, felpe o camice vecchie
  9. Non scaccio nessuno dal mio studio ma in quel caso, non posso continuare a scrivere. la solitudine è fondamentale.
  10. Sono meteopatico, alla mia maniera. Odio il caldo e amo il freddo, la pioggia mi fa stare a mio agio, la neve mi fa sognare, il vento mi rende ilare ed euforico. Per questi motivi, la stagione estiva è quella che influisce nella maniera più negativa sulla mia produzione
  11. Come si sarà capito, il dono della concisione non mi appartiene del tutto. Scrivo quasi esclusivamente romanzi, altalenando tra le 20.000 parole del più breve alle circa 100.000 del più lungo. Mediamente, gli ultimi scritti altalenano tra le 50.000 e le 70.000
  12. Mi piace citare: altri libri, film,brani musicali ma mai direttamente. Cerco sempre d’inserire le citazioni in maniera indiretta e a tratti occulta: un gioco nel gioco
  13. Quasi tutte le mie storie, rientrano in un universo narrativo personale e piccoli, sparsi riferimenti per intrecciare tra loro i libri, ci sono sempre.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I SEGRETI OCCULTI DEL III REICH

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

correzionedibozze & editing

[Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L’unica cosa che so è forse questa.][Silvio D'Arzo]

Plutonia Experiment

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Andrea Wierer

corporate storytelling

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

Frank Iodice

Education is the most powerful weapon which you can use to change the World (Nelson Mandela)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: