Lou Reed e il Taccuino


Apprendo da poco della morte di un grande del Rock. Di Lou Reed, intellettuale, cantore,poeta, artista tormentato, una vita difficile,difficilissima per i canoni odierni. A scanso di ipocrisie varie non sono uno sfegatato ma un consapevolefruitore di rock che ha percepito la sua grandezza e per questo motivo, quest’istant-post mi sorge urgente e spontaneo, perchè anche il mio Taccuino da altri mondi, non poteva essere indifferente e muto alla sua dipartita. Provocatore, esploratore dell’anima notturna di un blues che sposa l’elettricità e si trasmuta in rock raffinato ma dall’ascolto tanto facile quanto affascinante, lo voglio ricordare in particolare, concoerenza con i temi del taccuino, con questa splendida ballata:

Brano facente parte della colonna sonora del film di Wim Wenders Fino alla fine del mondo e naturalmente la celebrata A perfect day, rispolverata alla grande nella colonna sonora di Traispotting:

Addio, mr. Reed e che la lunga notte ti accompagni con dolcezza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

tacchi dadi e datteri

mescolanza è diverso da confusione

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I Segreti Occulti del Terzo Reich

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

correzionedibozze & editing

[Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L’unica cosa che so è forse questa.][Silvio D'Arzo]

Plutonia Experiment

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Andrea Wierer

corporate storytelling

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: