Albrecht Dürer, il DIP e gli errori. Un post, una pezza.


Errori e misteri del DIP: se vi dovesse mai capitare di passare per Torino e fare visita alla sede centrale del DIP, dislocata in un austero e un po’ lugubre palazzone in via Maria Vittoria

(molti uffici hanno la vista sulla Gran Madre), noterete nell’androne, sopra il bancone del servizio sicurezza, la grossa riproduzione di un’incisione attribuita ad Albrecht Dürer. L’opera, sconosciuta ai più, rappresenterebbe Don Chisciotte che carica i Mulini a vento. Domanda: se Cervantes ha scritto il Don Chisciotte tra il 1605 e il 1615 e Dürer è morto nel 1528 come ha potuto quest’ultimo conoscere un personaggio che doveva ancora esser inventato?*

Devo dire che il Don Quixote di Dorè rende bene l’idea di come potrebbe essere l’immaginaria stampa del DIP.

Possibili risposte: Forse un cavaliere pazzo che caricava i mulini a vento è veramente esistito all’epoca di Dürer, ispirando sia il pittore germanico che successivamente lo scrittore spagnolo oppure l’arte ha dimostrato ancora una volta la sua sbalorditiva capacità di trascendere spazio e tempo.

Bisogna a questo spunto, spendere però qualche parola su Dürer. L’incisore e pittore tedesco, realizzò, a cavallo degli anni 1513/14 un trittico d’opere, il Meisterstiche, composto da San girolamo nella cella, il cavaliere,la morte e il diavolo e Melacholia. Sebbene i tre lavori, una delle massime espressioni dell’arte a bulino di Dürer, siano apparentemente slegate tra loro, rimangono saldamente correlate dalle virtù della vita di ogni degno individuo: morali, teologiche e intellettuali. Melacholia, in particolare ha colpito gli esperti per la fitta serie di riferimenti alchemici, esoterici e massonici**. Dürer,uomo colto e attento alle trasformazioni del suo tempo, sicuramente, teneva comunque saldo l’antico concetto di conoscenza come proprietà dell’anima; un atteggiamento che a suo modo, si mantiene molto vivo e presente nella filosofia operativa del Dipartimento Indagini Paranormali ma forse… e dico forse..il fato ha fatto notare il clamoroso errore temporale troppo tardi per ovviare e il sottoscritto ha colto così l’occasione per costruire un mistero e aggiungere un altro pezzetto al mosaico del mondo di Stefano Drago.

*La discrepanza è riscontrabile nel romanzo Masche, edito nel 2011 da Fratelli Frilli editori.

**Prossimamente dedicherò un post apposito a Dürer, l’esoterismo e l’opera Melacholia.

2 pensieri riguardo “Albrecht Dürer, il DIP e gli errori. Un post, una pezza.

    1. Come detto, ho voluto trasformare uno svarione in un mistero! Per Dürer sarà un po lunga perchè il materiale è tanto e complesso. Si va dalla numerologia alla Kaly Yuga…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...