I Guardiani del Gregge (titolo Provvisorio)


Solo ora mi decido a parlare diffusamente de “I Guardiani del Gregge” mio ultimo romanzo.
Si tratta dell’ennesimo horror che, sfruttando l’amato e sfizioso genere, si sforza di veicolare anche altri pensieri, oltre a quello di cercare di spaventare i lettori.
Indicativamente, intorno al periodo Marzo/Aprile 2012 dovrebbe veder la pubblicazione.
Dunque non vuole essere solamente un romanzo horror. Insegue, al pari degli altri  precedenti lavori, l’ambizione e la presunzione dell’autore (minuscolo, rigorosamente minuscolo)di inserire discorsi politici, sociali e umani attraverso l’aura allegorica che l’horror possiede.
Quindi, analizziamo quel che mi sento di rivelare sul nuovo romanzo.
Tutta la vicenda parte da due eventi apparentemente distanti e slegati tra loro. Una fredda mattina di Febbraio, il primo cittadino di Serravalle Mormora, grosso paese in provincia di Asti (Piemonte), il sindaco Corrado Falletto, si suicida, gettandosi dalla cima della torre più alta del castello del paese. Sul suo corpo viene rinvenuta una lettera anonima con una frase perentoria: NULLA CAMBIA.
Particolare macabro, quando il cadavere viene rinvenuto, è privo della testa.
Mesi prima, dalla parte opposta della provincia, un misterioso personaggio, il “Procacciatore” acquista un Libro del Comando, un testo di magia attribuito a delle masche medioevali e contenente formule d’evocazione e fisiche maligne -sorta di incantesimi e malefici-. Quando successivamente si scopre la sparizione del tomo dagli archivi dell’Arcivescovato di Asti, s’incarica delle indagini il DIP, il mio “famoso” Dipartimento Indagini Paranormali. L’agente speciale assegnato al caso è Stefano Drago. Le indagini stentano finchè un filone, porta l’agente a Serravalle Mormora, dove s’incrocierà con una serie di fenomeni soprannaturali tra i quali la manifestazione di un fantasma senza testa e aggressioni da parte di rami e radici.
Drago frequenta il paese, conosce i membri dell’amministrazione e i vari protagonisti della politica locale. In questo approfondire la comunità, parte il tentativo di una descrizione quasi antropologica della società inscritta in una realtà piccola e conservatrice come quella di Serravalle Mormora, specchio di una tipica, piccola provincia piemontese. Il mio è un modesto tentativo di leggere e interpretare una realtà che vivo e conosco, in una versione, nera, oscura di certi racconti di provincia alla Andrea Vitali e storie profondamente intrise di territorio e cultura locale alla Camilleri.
Sapete, i piccoli e mediocri, guardano sempre ai grandi maestri!
Con I Guardiani del Gregge, tocco anche la politica, argomento spinoso, delicato ed importante. L’esperienza vissuta durante una campagna elettorale, come candidato in una lista civica nel mio paese, è stata illuminante per l’evocazione dell’atmosfera che si respira durante una competizione elettorale. Emerge così, l’eterno stallo che l’intera Italia si trova a vivere e patire: la volontà di cambiamento, costentemente evocata e puntualmente tradita, uno spettro che da una parte s’invoca e dall’altra si rinnega, perchè alla fine, sono gli elettori stessi a ritrarsi dalla possibilità.
E’ un romanzo di critica, di tradizione e di piccole, grandi meschinità. Come l’uomo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I SEGRETI OCCULTI DEL III REICH

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

correzionedibozze & editing

[Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L’unica cosa che so è forse questa.][Silvio D'Arzo]

Plutonia Experiment

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Andrea Wierer

corporate storytelling

LM

cosa leggono i passeggeri nei vagoni affollati?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: