Steampunk & dieselpunk


L’evoluzione che il genere fantastico ha subito negli ultimi 30 anni, ha portato a una graduale quanto inesorabile confluenza di temi, in diverse interpretazioni, non solo concettuali. Il cyberpunk segnò gli anni ’80 e una buona metà degli anni ’90 del secolo scorso e quasi in antitesi al movimento che aveva ispirato non soltanto la letteratura, si cominciò a parlare di Steampunk e successivamente di Dieselpunk. Definire i due generi non è semplice. Si basano sulla rilettura e sulla reinterpretazione di periodi storici, sfruttandone il background tecnologico, culturale e sociale al fine di ricostruire mondi alternativi, sui quali innestare riflessioni sulle inquietudini e i problemi della nostra realtà. La fascinazione estetica che sanno suscitare, la trovo molto forte e notevolmente stimolante. Lo steampunk rievoca le società industriali del periodo elisabettiano, innestandone un’accelerazione tecnologica che passa attraverso il vapore (steam) permettendo la coabitazione di automi e belle epoque, mirabolanti macchine volanti e arditi esperimenti alchemici, in sponda con un fantasy che si meticcia sempre più con la modernità (vedi urban fantasy).
Il Dieselpunk ne è a suo modo un’evoluzione storica, traslandone tematiche e background di alcuni decenni ideali e aggiornando estetica e tecnologia fino alla prima metà del XX secolo. Il Dieselpunk trovo che riesca a lasciarsi alle spalle quel senso di fatato che a volte lo Steampunk riusciva ad avere. Dietro a un provocatorio realismo futurista, dietro ai suoi scenari infarciti di modernariato, ritroviamo uno sguardo solo apparentemente retrospettivo, affascinante, nostalgico e segno marcato del problematico rapporto che la società attuale sta vivendo nei confronti del tempo e sopratutto del futuro, che non riusciamo più a scorgere e costruire.

Tutta questa modesta e per niente esaustiva disanima sui generi fratelli, serve a introdurre la mia intenzione di pubblicare a puntate, il primo progetto di storia Steam/dieselpunk che sto scrivendo. La scelta di renderla pubblica tramite il blog dedicato:http://aviditaeperdizione.blogspot.com/, ha il triplice fine di renderla conosciuta a chi mi segue e conosce, condividendo passioni e suggestioni; ravvivare e tentare di rendere più interessante la mia modesta attività di blogger e scribacchino e in ultimo, crearmi uno stimolo e un pretesto per proseguire con maggiore regolarità lo scritto.
Premesso tutto ciò, inizia così la saga della potente e dannata famiglia Turnàd.

Annunci

2 thoughts on “Steampunk & dieselpunk

  1. Ottimo articolo, i miei complimenti! Vado matto per lo Steampunk e ho da poco scoperto il suo "fratello del Novecento". Trovo inoltre che ci sia un netto contrasto tra le candide nubi di vapore delle macchine steampunk e le fumate nere e pesanti di quelle dieselpunk.Sempre se ti interessa il genere, ti consiglio altri due filoni meno conosciuti ma comunque interessanti: l'Atompunk e il Clockpunk.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

tacchi dadi e datteri

mescolanza è diverso da confusione

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Libero Emisfero

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I Segreti Occulti del Terzo Reich

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

Antonio Russo De Vivo

Editor & Consulente editoriale.

Plutonia Publications

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente,

altrimenti tutto è arte.

Andrea Wierer

corporate storytelling

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: