Dei simboli e delle idee.




Non ho mai fatto segreto delle mie passioni politiche. Mi dichiaro Comunista, Comunista Europeo, occidentale, legato all’ormai secolare tradizione culturale che l’Europa ha dato all’ideologia. Ombre sanguinose macchiano il Comunismo, è una realtà innegabile, davanti alla quale nessun comunista sincero ed obiettivo può rimanere indifferente. Dietro la grandezza di Leader come Stalin esiste la macchia dei Gulag e Pol Pot, nello stesso nome ha commesso un genocidio analogo a quello perpetrato dal nazismo ma tutto questo non era Comunismo, non era certo l’applicazione politica e scientifica che auspicava Marx tanto meno l’idea che i padri del Comunismo italiano avevano di ciò che doveva essere per gli stati ed i popoli. Le ultime, infamanti campagne anticomuniste hanno lasciato segni deleteri sul panorama sociale del mondo intero e su queste battaglie, rese ancora più cruente dal crollo dell’egemonia sovietica, il Comunismo italiano non ne è certo passato indenne. Dopo l’abiura di Achille Occhetto, vero demolitore del PCI, schiacciato dagli eventi storici, la trasfigurazione del Comunismo italiano ci ha portati da un lato il PD, invero un partito di centro combattuto dalla diatriba laica, dall’altra La Sinistra Arcobaleno, una variegata alleanza di partiti così detti (malamente) Sinistra radicale. Sotto un simbolo praticamente imposto alla base, la neo-dirigenza formata da comunisti, fuoriusciti a sinistra del PD e Verdi ha eliminato il più forte e caratterizzante simbolo dei comunisti: Falce e Martello.
All’improvviso, dopo quasi un secolo, gli emblemi del lavoro diventano scomodi scheletri da rintanare nell’armadio dell’opportunismo politico. A tal proposito, pubblico il mio più forte e netto DISSENSO. Un simbolo così radicato non è solo un disegno, non è una marca grafica è la rappresentazione di un’idea, di un concetto è la bandiera dei lavoratori, lo specchio di una classe che attraversa più classi e che ne ha rivendicato pari opportunità, pari dignità, pari diritti e progresso. Con buona pace di Russel non mi riconosco in un brutto arcobaleno raffazzonato, in una scritta, in gente che fa a gara a rinnegare quel che è stata. Il Comunismo Italiano non deve farsi perdonare nulla, non deve scusarsi di niente con nessuno perchè anche i comunisti italiani hanno costruito questo paese, sono morti per lui ed hanno sofferto. La Falce ed il martello dei comunisti italiani hanno la stessa dignità e lo stesso onore del tricolore e da militante, da tesserato di Rifondazione comunista, rivendico la mia identità politica.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

tacchi dadi e datteri

mescolanza è diverso da confusione

I camosci bianchi

Blog di discussione sulla montagna, escursionismo, cultura e tradizioni alpine

Scrittore è colui che decide di essere libero.

La filosofia, l'arte e la letteratura sono le chiavi di cui hai bisogno nella tua vita.

Luca Trifilio

Pensieri, racconti, recensioni e cose fortuite

stillrocking

Voglio fare la differenza

MISTERI DEL NAZISMO

I Segreti Occulti del Terzo Reich

pennelli&parole

Monica Spicciani Art

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Parole d'ottobre

Per alcune persone scrivere non è un hobby o un lavoro, è una necessità. Io sono una di esse.

correzionedibozze & editing

[Niente al mondo è più bello che scrivere. Anche male. Anche in modo da far ridere la gente. L’unica cosa che so è forse questa.][Silvio D'Arzo]

Plutonia Experiment

Un blog quantico

licus

Just another WordPress.com site

Firstime in Boston

Pensieri disgiunti in universi congiunti.

The Wine Training

Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua può piacere o vivere a lungo

Seidicente

Possiedo sogni e ragione

Andrea Wierer

corporate storytelling

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: